060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » Spregevole
Data: da 25/09/18 a 27/09/18

Orario

Dal 25 al 27 settembre 2018 ore 21.00

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito e/o la pagina facebook del teatro.

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Nazionale, 183
Zona: Rione Trevi (Quirinale-Tritone-Barberini) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Descrizione

Di Dario D'amato
con Edoardo Pesce
regia Gabriele Galli
produzione Fjfm srl produzioni

Monologo duro e cruento che denuncia il rancore di un disincanto svanito, quello per la propria città, Roma.

Spregevole, un vero e proprio “rosario della rabbia”. Un monologo duro e cruento che denuncia il rancore di un disincanto svanito, quello per la propria città, Roma, alla pari di qualsiasi amore scaduto. Uno spettacolo provocatorio, tanto ricco di denunce verbali quanto di ricerca di riconferme delle passate aspettative. È il racconto di un uomo che si sta perdendo – afferma Edoardo Pesce in questa sua importante prova d’attore sul palco – e nel suo ordinario giorno di follia quotidiana si ritrova solo con le sue parole e con quelle dell’Antico Testamento. Stornellatore dell’odio, dell’insofferenza, scorretto, brutale eppure appassionato, quasi lirico, il protagonista prende la Città Eterna come uno spartito e ci cammina sopra, in una discesa siderale che parte come qualcosa che dovrebbe scatenare la risata per poi sprofondare nell’amarezza.

Secondo D’Amato – autore di questa pièce già presentata in passato in forma di mise en espace ricomposta per l’occasione, riaggiornata- qualcosa sta per succedere e probabilmente molto è già successo nella vita del protagonista. Per espiare una colpa se la prende con la città che l’ha generato. Questa liturgia della disperazione, espressa goccia dopo goccia in un elenco del peggio e attraverso un’aggressività verbale minatoria, in qualche modo, alla fine, lo purifica. Lasciando però nel finale negli spettatori un’incognita interpretativa basata sull’eterna dialettica tra Bene e Male.

 

Parole chiave

Data di ultima verifica: 28/05/18 14:19