060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » Nido di vespe
Data: 15/04/19

Orario

Lunedì 15 aprile 2019
Orario in via di difinizione

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito e/o la pagina facebook del teatro.

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Largo di Torre Argentina, 52
Zona: Rione Pigna (Torre Argentina) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Contatti

Telefono: 06 684000311 - 14

Descrizione

Di Simona Orlando
regia Daniele Miglio

con Daniele Miglio, Fabrizio Bordignon, Emanuele Cecconi, Vittoria Rossi
Valentina Di Odoardo, Angela Brusa

Lo spettacolo Nido di vespe commemora le vittime del rastrellamento del Quadraro avvenuto nel 1944, sensibilizzando le nuove generazioni su un evento a cui la Storia non ha dato finora il dovuto risalto. Era l’alba del 17 aprile 1944 quando i nazisti, agli ordini del comandante Kappler accerchiarono il Quadraro, borgata romana abitata da operai del settore edile e da artigiani che lavorano nella grande industria cinematografica di Cinecittà, zona che grazie a un sistema di grotte e cunicoli era spesso usata dalle sacche di resistenza. Attraverso un percorso itinerante, i presenti sono coinvolti nella rievocazione delle vicende e nella quotidianità degli abitanti del quartiere prima, durante e dopo l’Operazione Balena, a cui seguì la deportazione di circa mille uomini compresi tra i 15 e i 55 anni. In scena rivivono le vere storie dei deportatiì nel campo di concentramento di Fossoli e successivamente in Germania, e delle famiglie rimaste ad attendere il loro ritorno, mentre i personaggi si mescolano alla folla, cercando di farla partecipare attivamente ed emotivamente, puntando anche sugli aspetti sensoriali, i suoni, le luci, la visita ai luoghi reali. Le ricostruzioni recitate si alternano alle videoproiezioni delle interviste, preziose testimonianze dirette raccolte presso i superstiti e i familiari dei deportati, a ribadire.

 
che se comprendere è impossibile, conoscere è necessario.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 18/07/18 13:50