060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » Memorie (improbabili) di un Don Giovanni
Data: da 26/03/19 a 31/03/19

Orario

Dal 26 al 31 marzo 2019
venerdì e sabato ore 20.45
domenica ore 18.00

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Nicola Zabaglia, 42
Zona: Rione Testaccio (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito e/o la pagina facebook del teatro.

Contatti

Telefono: 06 5744034 -328 8475891

Descrizione

La storia del libertino punito da Molière, Tirso De Molina, Lorenzo Da Ponte e dai canovacci della Commedia dell’Arte.
Regia di Francesco Polizzi. Musiche di Franco Accascina. Costumi di Giuseppe Santilli
.

Perché Don Giovanni continua a interessarci? Cosa racconta a noi questo eterno adolescente? Le sue esperienze erotiche seriali sono diventate oggi quasi una normale educazione sentimentale. E tuttavia, non appena torniamo a raccontarci la sua storia, non possiamo fare a meno di restarne affascinati.

Dimentichiamo volentieri le sue bassezze, passiamo sopra alla menzogna, insensibili ai dolori che provoca – «i cuori sono fatti per essere infranti», lo ascolteremo complici dire –, non ci preoccupiamo delle promesse mancate, gli perdoniamo persino l’assassinio purché ancora una volta Giovanni si produca per noi nei suoi numeri di seduzione multipla, nella sua pura, cieca vitalità, nel suo infantile rifiuto della morte e della serietà delle cose del mondo. E alla fine, ognuno troverà in questo antico apologo gli ammonimenti che vorrà vedervi.

Un’opera popolare
Carattere essenziale del progetto Don Giovanni è la dimensione popolare. Lo spettacolo infatti, pur utilizzando stili e linguaggi schiettamente teatrali, non intende rivolgersi solamente all’usuale pubblico del teatro. L’obiettivo è riuscire ad avvincere anche lo spettatore ignaro di Molière e poco avvezzo al teatro e allo spettacolo dal vivo. Molière, come i comici dell’arte italiani da cui aveva appreso il mestiere, doveva scrivere e recitare per pubblici eterogenei, fatti di nobili e di maniscalchi, di intellettuali e di cortigiane. La soluzione stilistica è stata la commistione di alto e basso nella polifonia del testo, offrendo la possibilità di molteplici letture, capaci di soddisfare chi cerca nel teatro uno stimolo per il pensiero e l’intelligenza insieme a chi è alla ricerca dell’intrattenimento. Questa stessa fruibilità molteplice, colta e popolare insieme è una delle sfide di questo Don Giovanni.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 28/03/19 11:30