060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » La Trinacria è femmina
Data: 11/12/18

Orario

Martedì 11 dicembre 2018 - ore 21.00

SPETTACOLO FUORI ABBONAMENTO

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Santo Stefano del Cacco, 15
Zona: Rione Pigna (Torre Argentina) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Largo di Torre Argentina

Informazioni

Modalità di partecipazione: Prenotazione consigliata

Contatti

Telefono: 06 37513571 - 06 37514258

Descrizione

LA TRINACRIA E’ FEMMINA

Concerto Reading di Ilenia Costanza

LORENA VETRO – Cantastorie  – voce e chitarre
ILENIA COSTANZA – Cuntastorie – voce narrante e percussioni
SARIA CONVERTINO – fisarmonica

Una divertente e poetica pièce teatrale musicale, in cui la Cantastorie Lorena Vetro e la Cuntastorie Ilenia Costanza, con la complicità di Saria Convertino e la sua “Fisa”, raccontano la Sicilia; questa tanto discussa terra di mafia e mare, di cassate e caponata… di poeti, briganti e cantastorie. E lo fanno partendo dal grammaticale femminile singolare delle parole che la descrivono…

“Siccità è femmina… Santa Rosalia a Palermo e Sant’Agata a Catania sono femmine… la maschera di Pirandello e la roba di Verga. Ma anche la vigna, la mandorla e l’arancia. E il pistacchio. Sì, perché da noi il pistacchio si chiama ‘a fastuca! E diventafemmina…come la bellezza!”.

E poi Buttitta, Pirandello, Sciascia, Quasimodo, Bufalino,… Rosa Balistreri, Otello Profazio, Nonò Salamone, Domenico Modugno; e il pubblico si commuove, e ride,e si sazia anche, perché queste femmine, nel raccontarla la Sicilia, non tralasciano la cucina, raccontando perfino dell’invidiosa astuzia che generò la sarda abeccafico; svelando trucchi, ricette e origine di una cucina tipica, povera di materia prima e ricca di sapore; il sapore di quella primordiale ricchezza che è l’amore.

La sensualità, il fascino e l’ironia pungente di un’isola ferita dalla mafia, ma pervasa di bellezza e di profumo di cosi dunci, in uno show di grande energia tutto al femminile… sì, perché, come si dice ne Il Padrino, “…in Sicilia i fimmini sono come a lupara”.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 16/11/18 10:13