060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » Indra
Data: 07/12/18

Orario

Venerdì 7 dicembre 2018 - ore 21.00

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Prenestina, 230 a/b
Zona: Quartiere Prenestino Centocelle (Roma est)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Biglietto: € 18,00

Contatti

Telefono: +39 06 80687231

Descrizione

Fid Production – Meridiani Paralleli

INDRA
Spettacolo vincitore Premio InDivenire 2018 – sez. Teatro

di Ilenia D’Avenia e Francesco Governa
con Guido Compagno, Ilenia D’Avenia, Giuseppe Palazzolo, Giulia De Luca e Alessia D’Anna
trucco Andrea Imperio

“Io, certe volte, quando vedo le stelle la sera, specialmente quando stiamo fuori la notte, per anguille, e penso nella mia testa, e dico: – Vero c’è il mondo? – Non ci credo che c’è il mondo”.

“Io ci ho pregato pure alle stelle, ci ho detto: – Affacciasse. Mi piacciono le stelle, mi piacciono guardarle. Sono belle.”

Liberamente ispirato ai “Racconti Siciliani” di Danilo Dolci, “Indra” mette in scena i dolori della privazione dei sentimenti, la concretezza della povertà che priva i personaggi di quella stabilità necessaria per andare oltre.

Cinque personaggi semplici e genuini che, pur sembrando distanti tra loro, finiscono per rivelare la loro profonda appartenenza a un unico, comune destino.

Anime semplici, che vivono e agiscono di istinto, che cercano di arrabbattarsi per tornare alla vita, per restituire dignità alla propria esistenza e, in questa lotta di conflitti esterni e interni, dimenticano cosa è giusto e cosa no, cosa è immorale e cosa no. Altre volte invece si aiutano, si barattano i saperi che si sono inventati o, nel tentativo stremato di ribaltare la trappola, di uscire dalla rete, si uniscono.

La Sicilia che viene raccontata è solo un pretesto narrativo per rivelare i soprusi e le loro conseguenze, un pretesto per raccontare il diritto alla vita, promuovendo la nascita di una coscienza collettiva a partire dalla memoria della storia.

Questi racconti danno voce alla gente che nel mondo ha contato poco o niente, che forse lascia in questo ricordo di sé, in questa riflessione sulla propria storia, la sua traccia più duratura.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 09/11/18 11:15