060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Teatro » 1984
Data: da 22/11/19 a 24/11/19

Orario

dal 22 al 24 novembre 2019

Venerdì e Sabato - ore 21.00
Domenica - ore 17.30

Consigliato a ragazzi dai 14 anni in su

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito.

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Piazza Euclide, 34/A
Zona: Quartiere Pinciano (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Intero: € 15,00
Ridotto: € 10,00

Ridotto fino a 12 anni, over 65, studenti e convenzioni cral

Contatti

Telefono: 06 8082511 - 338 3372708
Fax: 06 8075497
Prenotazione online: prenotazioni@teatroeuclide.it

Descrizione

1984
70 anni dalla pubblicazione 1940 - 2019

di George Orwell
regia e traduzione di Tommaso De Portu
con Federico Occhipinti, Flaminia Gai, Gabriele Raho, Emanuele Imperoli, Matteo Vecchi, Cristiano Arsì, Matteo Fabiani 
voci di Marco Usai e Michele Eburnea
aiuto regia: Rose Maria Gatta

Iniziato a scrivere nel 1948 e pubblicato nel 1949, “1984” è in assoluto uno dei romanzi più apprezzati al mondo.
Ed è proprio la distopia presentata da Orwell che ha reso il romanzo conosciuto e amato.
Se interpretato metaforicamente, 1984 rappresenta la nostra società, da sempre.
Le lotte politiche per il potere, il controllo mediatico sulle popolazioni, l’oppressione e la limitazione della libertà dell’individuo.
Londra, 1984.
Una guerra atomica, scoppiata pochi anni dopo la seconda guerra mondiale, ha diviso la Terra in tre potenze, in lotta fra loro e governate da regimi totalitari: Oceania, Eurasia e Estasia. Winston Smith è un impiegato del Partito e lavora presso gli uffici del Ministero della Verità, incaricato di “correggere” i libri e gli articoli di giornale già pubblicati, modificandoli in modo da rendere riscontrabili e veritiere le previsioni del Partito.
Apparentemente Winston è un tipo malleabile, in realtà mal sopporta i condizionamenti del regime e non riesce ad adeguare la propria mente al bispensiero, tanto che comincia a scrivere su un diario i propri sentimenti di malcontento nei confronti del regime.

 

Parole chiave

Data di ultima verifica: 14/11/19 15:24