060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Musica » Histoire du soldat
Data: 12/11/18

Orario

Lunedì 12 novembre 2018 ore 21:00

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Giacinto Carini, 78
Zona: Quartiere Gianicolense (Roma ovest)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Intero: € 17,60

La programmazione potrebbe subire modifiche o annullamenti. Si consiglia di verificare il sito e/o la pagina facebook del teatro.

Contatti

Descrizione

Testo originale francese di Charles Ramuz  - musica di Igor Stravinskij
Adattamento italiano di Paola Sarcina e Alessandro Murzi

Personaggi ed interpreti
Massimo Wertmuller narratore
Hanad Sheikh il soldato, Michele Nardi il diavolo, Federica Lanza la principessa
Ensemble strumentale: Marco Serino violino, Massimo Ceccarelli contrabbasso, Luca Cipriano clarinetto, Marco Dionette fagotto, Andrea Di Mario tromba, Luigino Leonardi trombone, Flavio Tanzi percussioni,
Alessandro Murzi direttore, Paola Sarcina mise-en-espace
Lavinia Maria Mazzi e Linda Bagalini progetto video, Francesca Staccioli costumi

Nel centenario della sua prima esecuzione e della fine della Grande Guerra il lavoro da camera di Stravinsky sul testo di Ramuz, risulta di straordinaria attualità, riproposto oggi nella lettura dell’ensemble strumentale della Music Theatre International diretto da Alessandro Murzi con la presenza di Massimo Wertmuller nel ruolo del narratore.

La trama dell’Histoire - la “folle iniziativa” come l’aveva definita lo stesso Stravinskij - è ispirata alla raccolta di fiabe popolari russe di Aleksandr Nikolaevič Afanas'ev, da lui molto amate. Nell’allestimento al Vascello l’azione si sposta nello scenario delle guerre contemporanee e dei conflitti interculturali, sul confronto irrisolto tra la società collettivista e quella individualista: porta in scena l’uomo alla ricerca della propria identità e storia, nel tentativo di sfuggire alla realtà del proprio destino.

Il diavolo diventa così la metafora della cultura eurocentrica, che non vuole fare emergere le possibili divergenze e differenze presenti in altre culture, spesso viste attraverso le lenti distorte dei pregiudizi e ritenute così inferiori e non allineabili o comparabili a quella occidentale predominante nella società globale. Nella seconda parte dello spettacolo, una prima assoluta “NOI E LORO Tre quadri per piccolo ensemble”.

Parole chiave

Nell'ambito di

Eventi e spettacoli › Manifestazioni
Data: da 23/10/18 a 09/12/18
Data di ultima verifica: 09/11/18 11:23