060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Musica » Affetti Barocchi
Data: 17/11/18

Orario

Sabato 17 novembre 2018
ore 17.30 - 19.30

Ospitato in

Indirizzi

Indirizzo: Via Nazionale, 194
Zona: Rione Trevi (Quirinale-Tritone-Barberini) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Ingresso disabili: Via Piacenza, snc
Zona: Rione Monti (Colosseo-S.Giovanni-S.Maria Maggiore) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Sono disponibili sedie a rotelle per visitatori che ne fanno richiesta. Per informazioni +39 06 696271
Ingresso disabili: Via Milano, 13
Zona: Rione Monti (Colosseo-S.Giovanni-S.Maria Maggiore) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Sono disponibili sedie a rotelle per visitatori che ne fanno richiesta. Per informazioni +39 06 696271
Indirizzo: Via Milano, 9A
Zona: Rione Monti (Colosseo-S.Giovanni-S.Maria Maggiore) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Ingresso sala Cinema, Auditorium e ristorante Open Colonna

Informazioni

Modalità di partecipazione: Prenotazione obbligatoria

Contatti

Descrizione

Il maestro Mario Bassani e il violoncello di Ulrike Pranter ci invitano a tornare con l’animo alla fine del XV secolo, toccando uno degli apici dell’epoca barocca, quando affiora la retorica per rinnovare l’arte con un nuovo fine: appassionare gli animi e smuovere la sfera emotiva ed emozionale del pubblico.

La missione della retorica è “il fin, la meraviglia” per dirlo con le parole del poeta Giovan Battista Marino, tanto da poter rappresentare un vero e proprio codice interpretativo senza il quale la produzione dell’epoca non ci sarebbe in alcun modo intelligibile.
 Le figure retoriche e gli espedienti solitamente usati sin dall’antichità dagli oratori per creare suspance, commozione, euforia vengono amplificati in potenza drammatica, magnificenza e realismo in ogni campo, dalla pittura alla scultura alla musica, con l’unico scopo di creare un’empatia tra l’esecutore e lo spettatore che entrambi (ri)vivono il dramma umano che ogni giorno va in scena sul gran teatro del mondo barocco.

Così è l’estrema esasperazione teatrale con cui vengono rappresentate le scene pittoriche da Caravaggio, come i gruppi marmorei del Bernini o le ardite evoluzioni architettoniche del Borromini: approdare ad un risultato estremamente carico di pathos, capace di far vibrare gli “AFFETTI” umani.

Le emozioni e i sentimenti intimamente collegati al periodo barocco sono l’oggetto a cui si rivolge anche la musica, soprattutto dopo la svolta che Claudio Monteverdi impresse alla musica vocale profana, con la nascita del melodramma e la particolare attenzione dedicata al contenuto dei testi e alla loro resa emotiva tramite scelte melodiche descrittive e non prevaricanti.

L’interpretazione del maestro Bassani e del violoncello barocco dell’artista austriaca Pranter sapranno coinvolgerci in questa narrazione affascinante, alternando interventi musicali alle presentazioni, offrendo alla serata un lieto finale.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 15/11/18 16:58