060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Mostre » Studio, visione: la scultura di Marco e Massimo Ruffini
Data: da 06/11/18 a 27/11/18

Orario

Dal 7 al 27 novembre 2018
Inaugurazione martedì 6 novembre ore 18.00

da lunedì a venerdì: 11-13 e 15 – 19
sabato 11 – 19

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Cassia, 492
Zona: Suburbio Tor di Quinto (Roma nord)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Modalità di partecipazione: Ingresso libero

Contatti

Telefono: +39 06 33711468
Fax: +39 06 33711468

Descrizione

Testo di Ilaria Gianni “La poetica dei fratelli Ruffini è presentata al pubblico nella mostra Studio, visione: la scultura di Marco e Massimo Ruffini. Massimo Ruffini (Bologna, 1948) e Marco Ruffini (Roma, 1950), furono indirizzati sin da piccolissimi alla pratica artistica dal padre Corrado Ruffini (1912 – 1981), abilissimo scultore, capace di modellare e attivare la materia in maniera sempre innovativa. Condividendo lo stesso studio, si venne, nel corso degli anni, a creare un vero e proprio interscambio tra stili e visioni. Dopo varie collaborazioni a sei mani, iniziarono ad essere evidenti le differenti personalità artistiche, che trovarono ben presto la propria strada in percorsi che si sono compiuti in piena autonomia.

Massimo Ruffini realizza raffinati lavori in cui l’estrosità si congiunge alla tecnica dell’oreficeria e che rilevano una propensione materica che è propria dello scultore.

Marco Ruffini è invece impegnato in una ricerca di purezza formale in cui permane un’esigenza di descrittivismo che si traduce in segni incisivi vagamente referenziali che svelano mondi e sogni. La mostra mette in risalto i diversi percorsi intrapresi, ma sempre condivisi, dagli artisti, evidenziando la passione per la ricerca, il rispetto per la materia, la contemplazione del passato e le interpretazioni delle emozione del presente che li contraddistingue.

Marco e Massimo Ruffini riflettono sull’evoluzione di un linguaggio classico come quello della scultura, facendolo diventare personale, grazie ad una sintesi formale e un immaginario originale.”

Parole chiave

Data di ultima verifica: 23/10/18 12:15