060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Mostre » Nuova Pelle-Martino Cusano, Berina Lingo
Data: da 23/03/19 a 29/03/19

Orario

Dal 23 al 29 marzo 2019
dal martedì al venerdì dalle 17.00 alle 19.00

Indirizzo

Indirizzo: Piazza dei Navigatori, 6a
Zona: Quartiere Ardeatino (Roma sud)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Presso Spazio Tetenal

Informazioni

Modalità di partecipazione: Ingresso libero

Contatti

Descrizione

Il progetto, la mostra vuole essere un percorso di ricerca nei confronti dell’istinto primario che la macchina umana ha in dote: la capacità di generare “nuova pelle”, indossarla e viverla. Si accende un confronto, si valorizza la vita, si rivela l’impulso primordiale dell’uomo alla sopravvivenza, un viaggio alla scoperta di un mondo pieno di voglia di superare ogni barriera.

Le foto indagano le diverse declinazioni della condizione umana. Inevitabilmente introspettive, senza pietismo e strumentalizzazione, portano al centro dell’attenzione il tema della disabilità “relativa”. No barriere fisiche o mentali. Si scopre ogni volta con questo lavoro la libertà di abbattere i limiti che sembrano esistere (fantasmi) alla fine solo nel nostro sguardo. La tecnologia rende possibile ciò che fino a qualche decennio fa era impensabile, sovverte le prospettive.

È da questo concetto che il fotografo Martino Cusano insieme all’Artista Berina Lingo partono e condividono l’idea e il progetto “Nuova pelle”. L’uomo ricostruisce la sua pelle, e attraverso gli accessori “in pelle” con cui Berina Lingo di volta in volta veste i soggetti; così “nuovi” occhi recepiscono “nuove” realtà. Un pensiero alle difficoltà che affrontano ogni giorno le persone portatrici di disabilità. “Grinta” è la risposta a ogni discriminazione.

Libertà civile, affinché tutti abbiano pari diritti e opportunità senza mai fermare la conoscenza. Osservatori di vita scopriamo la profondità dell’incompreso, la bellezza che abita l’impegno e l’intensità di ‘partecipare’. “Libertà è partecipazione”. E ragioniamo su quanto sia labile il confine oltre il quale è facile scaricare sugli altri il peso delle nostre paure/sconfitte.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 04/03/19 11:28