060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Mostre » Medardo Rosso
Data: da 09/10/19 a 02/02/20

Orario

Dal 9 ottobre 2019 al 2 febbraio 2020
dal martedì alla domenica ore 9.00-19.45
Chiuso lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio
La biglietteria chiude un'ora prima

Ospitato in

Indirizzi

Indirizzo: Via di Sant'Apollinare, 46
Zona: Rione Ponte (Via Coronari-Ponte Vittorio) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Ingresso disabili: Via di Sant'Apollinare, 8
Zona: Rione Ponte (Via Coronari-Ponte Vittorio) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Accesso ad una singola sede del Museo Nazionale Romano:
Intero € 10,00
In occasione di mostre: Intero € 13,00

Combinato (valido 3 giorni)  Palazzo Massimo, Palazzo Altemps, Crypta Balbi, Terme di Diocleziano
Intero € 12,00
In occasione di mostre: Intero € 15,00

Ridotto
€ 2,00: cittadini di età compresa tra i 18 e i 25 anni compiuti della dell'Unione Europea

Biglietti speciali per aperture serali 5 € dalle 20.00 alle 23.00 i giovedì sera 17, 24, 31 ottobre 7, 14, 21, 28 novembre 2019

Contatti

Telefono: +39 06 39967701 (Coopculture) - 06 684851 - biglietteria 6872719
Telefono: info e pren scuole 848 082 408/ da cellulari e dall'estero +39 06 399 67 200

Descrizione

La mostra vuole essere l’occasione di una riflessione ampia sulla scultura, che potrà avvalersi dell’accostamento delle opere di Medardo con alcuni dei massimi capolavori della classicità custoditi nel Museo di Palazzo Altemps, in un percorso di lettura del repertorio e della modernità dell’artista reso perciò ancor più stimolante e inedito.

L’esposizione, nelle sale del primo piano, non prevede un percorso cronologico ma tematico, attraverso alcuni dei soggetti trattati dell’artista di cui verranno presentate differenti versioni, in una scelta determinata da ragioni non solo iconografiche, ma soprattutto compositive e tecniche: la straordinaria originalità di Rosso nello sperimentare utilizzi assolutamente inediti dei materiali e la conseguente varietà della resa materica saranno restituite attraverso la selezione di opere in cera, gesso e bronzo, i materiali a lui congeniali nella resa di quello che egli stesso definì “spazio fuggitivo della frazione di un secondo”.

Saranno esposte anche le fotografie di Rosso. Infatti a partire soprattutto dalla fine dell’Ottocento, la fotografia assume per Rosso il senso di una ricerca autonoma e compiuta, parte integrante e insostituibile di un incessante lavoro di ripresa di poche, essenziali immagini, che ha, non a caso, un equivalente in quella continua rielaborazione delle sculture da lui ideate entro i primi anni del Novecento che caratterizza gli ultimi decenni della sua carriera. La fotografia era per Rosso occasione di uno studio sulla materia e sulla luce, ormai svincolato dal confronto col vero.

Il percorso della mostra intende offrire anche un’occasione di dialogo con l’antichità, inserendo all’interno di questi straordinari ambienti alcune testimonianze del rapporto di Rosso con l’antico, non ancora propriamente indagate in sede espositiva.

Parole chiave

Questa scheda (Nell'ambito della mostra) comprende

Eventi e spettacoli › Manifestazioni
Data: da 31/10/19 a 28/11/19
Data di ultima verifica: 29/10/19 09:38