060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Mostre » Gio Ponti. Amare l’architettura
Data: da 27/11/19 a 27/09/20

Orario

Da mercoledì 27 novembre 2019 a domenica 27 settembre 2020

La mostra riapre venerdì 22 maggio 2020.

Nel mese di maggio è aperta solo nei seguenti giorni: 
- venerdì 22, sabato 23, domenica 24
- venerdì 29, sabato 30, domenica 31

A partire dal 2 giugno nei consueti giorni e orari di apertura museali.

È obbligatorio pre-acquistare il biglietto online sul sito maxxi.vivaticket.it. 
Possibilità di last minute in loco previa verifica disponibilità di capienza nel rispetto del distanziamento sociale.
Per garantire la sicurezza dei nostri visitatori l’accesso al Museo è consentito solo a persone munite di mascherina, previo passaggio allo scanner termico. Gli ingressi sono previsti su fascia oraria e contingentati.

Dal 27 novembre 2019 al 13 aprile 2020 Prorogata fino a domenica 27 settembre 2020
Martedì 11.00 – 20.00
Mercoledì 11.00 – 19.00
Giovedì 11.00 – 19.00
Venerdì 11.00 – 20.00
Sabato 11.00 – 20.00
Domenica 11.00 – 19.00
La biglietteria è aperta fino a un’ora prima della chiusura del Museo

Chiusura tutti i lunedì

Ospitato in

Indirizzo

Indirizzo: Via Guido Reni, 4 A
Zona: Quartiere Flaminio (Roma nord)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

Tariffe
intero € 12,00 - ridotto € 9,00
Tutte le tariffe www.maxxi.art/events/categories/mostre/

Contatti

Descrizione

A cura di Maristella Casciato, Fulvio Irace con Margherita Guccione, Salvatore Licitra, Francesca Zanella

Architetto, designer, art director, scrittore, poeta, critico, artista integrale a 360 gradi, Gio Ponti è stato oggetto di una letteratura storico-critica e di una produzione espositiva difficili da eguagliare.

A quarant’anni dalla sua scomparsa, il MAXXI gli dedica una grande retrospettiva che ne studia e comunica la poliedrica attività, a partire proprio dal racconto della sua architettura.

Dal disegno di oggetti d’uso quotidiano all’invenzione di soluzioni spaziali per la casa moderna, alla realizzazione di progetti complessi calati nel contesto urbano, come i grattacielo Pirelli a Milano o la cattedrale di Taranto, la progettualità di Ponti si caratterizza proprio per il passaggio disinvolto di scala in scala.

Realizzata in collaborazione con il CSAC di Parma e Gio Ponti Archives, la mostra presenta materiali archivistici, modelli, fotografie, libri, riviste, e oggetti che permettono di scoprire un protagonista eccellente della produzione italiana di architettura, il cui lavoro ha lasciato tracce importanti in diversi continenti.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 27/01/20 10:56