060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Mostre » Carlo Lorenzetti, Bruno Conte. Realtà in equilibrio
Data: da 19/06/18 a 30/09/18

Orario

dal 19 giugno al 30 settembre 2018
dal martedì alla domenica: 8.30 – 19.30
ultimo ingresso 45 minuti prima della chiusura
chiusure 
tutti i lunedì

Ospitato in

Indirizzi

Indirizzo: Viale delle Belle Arti, 131
Zona: Quartiere Pinciano (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Ingresso disabili: Via Antonio Gramsci, 71
Zona: Quartiere Pinciano (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Informazioni

biglietto intero: € 10,00

biglietto ridotto: € 5,00
– cittadini UE di età compresa tra i 18 e i 25 anni
– docenti delle scuole statali dell’UE

biglietto gratuito:
– visitatori di età inferiore a 18
– docenti e studenti dell’Unione Europea delle facoltà di architettura, di conservazione dei beni culturali, di scienze della formazione e dei corsi di laurea di lettere e materie letterarie con indirizzo archeologico o storico-artistico delle facoltà di lettere e filosofia
– giornalisti con tesserino in corso di validità
– studenti in possesso della Carta “Io Studio”
– guide turistiche
– soci ICOM
– dipendenti MiBACT
– prima domenica del mese #domenicalmuseo

biglietto ridotto per i possessori di un biglietto del MAXXI

agevolazioni
possessori Roma Pass

audioguide
italiano e inglese € 5,00

Contatti

Telefono: +39 06 32298221 (info)
Telefono: +39 06 322 98 225 (biglietteria)
Telefono: +39 06 322981 (centralino lun-ven 8-14)
Fax: +39 06 3221579

Descrizione

La Galleria Nazionale celebra Carlo Lorenzetti e Bruno Conte, due dei cinque “compagni nella ricerca” dell’esposizione alla Galleria Il Segno di Roma del 1982, ricomponendone il percorso con due mostre antologiche a cura di Giuseppe Appella dal titolo Realtà in equilibrio.

Fausto Melotti, autore del testo Realtà in equilibrio pubblicato nel foglio-manifesto diffuso in occasione della mostra alla Galleria Il Segno che comprendeva oltre Lorenzetti e Conte anche Giulia Napoleone, Rodolfo Aricò e Giuseppe Uncini, considerava i cinque artisti “anacoreti, lontani dalle tentazioni del mondo” che “vedono dalle finestre e conoscono fuori e anzitempo ciò che sarà necessario alla costruzione dell’edificio dell’arte, compagni nella ricerca, compagni in ciò che l’arte richiede, sacrificio e amore. Non di mimi, si tratta di alcune pietre portanti dell’arte”.

Parole chiave

Data di ultima verifica: 09/07/18 11:20