060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Eventi e spettacoli » Incontri » Incontri tra la storia e le donne - Ritratti di donne: femm.
Data: 11/07/19

Orario

Giovedì 11 luglio 2019, ore 17.00-18.00 

Ospitato in

Indirizzi

Indirizzo: Via Francesco Crispi, 24
Zona: Rione Campo Marzio (P.Spagna-P.Popolo-Pincio) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
Ingresso disabili: Via Zucchelli, 7
Zona: Rione Colonna (Pantheon-Montecitorio-Barberini) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza
E’ necessario richiedere l’apertura dell’accesso disabili, citofonando in via Crispi, 24 oppure telefonando ai numeri della Galleria: 06 4742848; 06 4742909

Informazioni

Visita e incontro gratuiti previo acquisto del biglietto d'ingresso secondo tariffazione vigente.

Informazioni e prenotazioni
Tel. 060608 (tutti i giorni 9.00-19.00)

Modalità di partecipazione: Prenotazione obbligatoria

Contatti

Descrizione

Incontro con la scrittrice Paola Rivolta, autrice della raccolta di racconti intitolata femm. nella sala espositiva del I piano, nell’ambito della mostra “Donne. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione

Si tratta di un reading, tenuto dalla stessa autrice, di alcuni dei racconti contenuti nel libro, appena pubblicato dalla casa editrice Liberilibri di Macerata.
femm. è un titolo minuscolo, abbreviato, significativamente riassuntivo del mondo femminile in ogni epoca e latitudine. Diciotto racconti brevi, diciotto ritratti di donne amareggiate, tormentate, perfide. Madri, sorelle, mogli, amanti sono i cardini attorno ai quali ruota la narrazione. Di fronte all’ambiguità della natura umana resta nel lettore un senso di smarrimento che lo costringe a cercare tra le parole lette una rassicurazione morale, o almeno una qualche certezza. È questo senso di sospensione, che incombe dalla prima all’ultima pagina, ad accomunare storie ambientate in paesi e atmosfere diversi.

Un estratto dal racconto Con la speranza che l’abusare del proprio corpo convincesse la natura:
“Quando mio marito rientrò dal lavoro era già buio. Io ero tornata a casa da poco. Il tempo di togliermi il cappotto, posare i guanti sul vassoio d’argento, rassettare la cotonatura dei capelli di fronte allo specchio, vedere la bambinaia che si era affacciata avendomi sentito entrare. Il tempo di salutarla, dopo che mi aveva fatto notare, guardando insistentemente l’orologio, che come al solito avevo oltrepassato l’orario previsto dal suo contratto. Il tempo di darle le indicazioni per i giorni seguenti e salutarla, di passare davanti alla lavanderia, fare caso ai capi puliti che erano impilati sul tavolo da stiro e il tempo di riporli. Il tempo di affacciarmi sulla porta della camera di mia figlia.
Giocava tranquilla.
Era un piccolo angelo biondo.
Allora perché non la amavo?
Stetti a guardarla e cominciai, come al solito, a tormentarmi cercando, dentro di me, una qualche emozione, il desiderio di abbracciarla come pensavo avrebbe dovuto essere normale. L’unica cosa che invece provavo era un peso sul cuore, un’angoscia che riuscivo a gestire solo quando ero lontana da lei.”

Parole chiave