060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma
Sei in: Home » Cultura e svago » Luoghi di culto di interesse storico-artistico » Chiese cattoliche » Chiesa S. Teresa di Gesù Bambino in Panfilo
Tipologia: Parrocchia

Indirizzo

Indirizzo: Via Gaspare Spontini, 17
Zona: Quartiere Pinciano (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Contatti

Orario

Durante le celebrazioni non è consentito visitare la Chiesa.
Per gli orari delle SS. Messe telefonare alla Chiesa
Gli orari possono subire cambiamenti. Si suggerisce di verificare contattando la chiesa

Descrizione

La chiesa fu edificata su progetto dell’architetto Guglielmo Palombi tra il 1929 ed il 1932 ed è dedicata a Santa Teresa di Lisieux. La cripta fu inaugurata il 16 maggio 1928, mentre la chiesa venne consacrata solennemente il 2 ottobre 1932 da monsignor Adeodato Giovanni Piazza. La chiesa fu affidata, fin dai suoi inizi, ai Carmelitani scalzi, il cui convento, adiacente alla chiesa, fu terminato nel 1929.

Il nome in Panfilo viene dalla catacomba di San Panfilo sulle quali la chiesa è costruita, catacombe costituite da diversi cunicoli ove è possibile trovare graffiti di pellegrini ed iscrizioni funerarie.

La chiesa è preceduta da un’ampia scalinata in marmo, dovuta alla cripta sottostante. L’interno è a croce latina ad unica navata. Nell’abside principale si trovano: un quadro raffigurante Santa Teresa che sparge fiori di E. Ballerini; ed un affresco con Santa Teresa e Gesù bambino di G. Morgante. Nelle absidi laterali si trovano due cappelle, dedicate alla Madonna del Carmine e al Sacro Cuore di Gesù. Accanto all’abside di sinistra vi è la cappella delle reliquie, eretta nel 1961, nella quale è conservato il velo indossato da santa Teresa di Lisieux quando si recò a Roma per essere ricevuta dal Papa e ricevere l'autorizzazione ad entrare nell'ordine carmelitano a soli quindici anni. Gli altari laterali provengono da una chiesa scomparsa di Roma, Santa Maria in Macello Martyrum. Abbelliscono la chiesa una serie di vetrate policrome realizzate nel 1978. La sottostante cripta è ornata da una doppia fila di colonne, ed ha un soffitto a cassettoni.

Vedi anche

Cultura e svago › Beni culturali › Beni archeologici
Data di ultima verifica: 23/10/18 10:23