060608


Roma Capitale
Zètema Progetto Cultura
060608 - Scopri e acquista i servizi turistici, l'offerta culturale e gli spettacoli di Roma

Indirizzo

Indirizzo: Via Vittorio Veneto
Zona: Rione Ludovisi (Via Veneto) (Roma centro)
Atac
Inserire l'indirizzo di partenza

Descrizione

Situata nel centro storico di Roma, via Vittorio Veneto, più comunemente nota come via Veneto, collega piazza Barberini con Porta Pinciana.

In epoca tardo-repubblicana, l’area su cui sorge era popolata da sontuose ville patrizie abitate da personaggi illustri, tra cui Giulio Cesare e il senatore Sallustio che in questa zona fece edificare ricchi giardini con padiglioni, porticati, fontane, terme, tempietti e statue: gli Horti Sallustiani.

Nel 1621, il Cardinale Ludovico Ludovisi, nipote di papa Gregorio XV, acquistò il terreno su cui sorgevano gli Horti per costruire la sua villa che divenne meta di artisti e studiosi che qui potevano ammirare i preziosi marmi antichi che Ludovico aveva fatto restaurare da grandi maestri e artisti come Bernini e Buzzi.

Alla fine dell’Ottocento, dopo l’unità d’Italia, uno degli interventi urbanistici più rilevanti riguardò la sistemazione di quest’area con la creazione del nuovo Rione Ludovisi. Il progetto prevedeva strade spaziose, adatte anche alla nuova mobilità. Nel 1894 nasce così via Veneto, ampia “Passeggiata Umbertina” e strada principale del quartiere più lussuoso di Roma Capitale d’Italia. Sorsero, quindi, villini signorili e palazzi nobiliari, café e restaurant alla moda per l’alta borghesia e l’aristocrazia, e vennero edificati anche grandi alberghi di prima categoria come l’Excelsior, inaugurato nel 1906 dal barone Von Pfyffer, proprietario del Grand Hotel.

Inizialmente dedicata alla regione omonima, nel 1919, dopo la prima guerra mondiale, via Veneto cambia nome a ricordo della battaglia di Vittorio Veneto.

La fama internazionale di cui gode è legata soprattutto alla Dolce Vita, periodo in cui i suoi locali, ristoranti e alberghi erano animati dalle sfrenatezze degli attori hollywoodiani e delle altre celebrità inseguite dai paparazzi, sempre alla ricerca dell’ultimo scoop.
Federico Fellini, nel suo capolavoro La dolce vita, la ricostruisce negli studi di Cinecittà.

Partendo da piazza Barberini, lungo il suo percorso potete incontrare oltre agli alberghi di lusso, ai palazzi signorili e ai famosi caffè, anche capolavori di epoche diverse come la fontana delle Api, la Chiesa di Santa Maria Immacolata con la cripta dei Cappuccini e Porta Pinciana.

Vedi anche

Cultura e svago › Beni culturali › Beni architettonici e storici
Cultura e svago › Luoghi di culto di interesse storico-artistico › Chiese cattoliche
Cultura e svago › Beni culturali › Musei
Data di ultima verifica: 28/02/20 12:54